• Gestione ordinaria delle Entrate Tributarie e patrimoniali

    Gestione ordinaria delle Entrate Tributarie e patrimoniali

  • ICI/IMU - TARSU/TARES

    ICI/IMU - TARSU/TARES

  • Gestione Violazioni del Codice della Strada

    Gestione Violazioni del Codice della Strada

  • Gestine Riscossione Coattiva e Rendicontazione

    Gestine Riscossione Coattiva e Rendicontazione

Vantaggi della Riscossione Diretta

La gestione diretta, da parte degli EELL della riscossione, a prescindere dalla intervenuta cessazione opelegis dell’attività da parte del Concessionario Nazionale, risulta certamente preferibile per i Comuni in quanto consente all’Amministrazione di mantenere il controllo diretto ed esclusivo su una funzione propria, quella tributaria, che non solo è istituzionale, ma risulta sempre più strategica per l’equilibrio della Finanza Locale al fine di mantenere/implementare servizi a beneficio della collettività amministrata e, attraverso il contrasto all’evasione, realizzare finalità perequative.

La riscossione diretta permette:

  • di offrire un servizio di qualità ai cittadini, che possono interagire con un unico interlocutore per tutte le loro istanze nella massima trasparenza, con procedure snelle che semplificano gli adempimenti da ottemperare.
  • il monitoraggio costante e puntuale degli insoluti e degli incassi;
  • la disponibilità di tutti i dati in un’unica banca dati, di reale proprietà dell’Ente, che non è costretto a chiedere all’agente riscossore esterno, essendo al contempo titolare e fruitore diretto dei suoi stessi dati;
  • la visione e la conseguente operatività strategica in materia tributaria, al fine di una chiara e corretta programmazione delle entrate;
  • la disponibilità immediata del riscosso;
  • la gestione ad personam delle esigenze di rateizzazione dei cittadini e delle relative garanzie;
  • la prevenzione del contenzioso.

Operare senza l’intermediazione di un concessionario consente al Comune la gestione di un rapporto personalizzato con il cittadino, declinato in funzione delle esigenze specifiche che di volta in volta il contribuente - o l’Ente stesso - ha necessità di soddisfare; significa monitorare in modo costante e puntuale gli insoluti egli incassi, e naturalmente, avere la disponibilità immediata del riscosso; significa di volta in volta dirigere la propria attività in funzione dei risultati attesi , in modo personalizzato in relazione alle peculiarità ed ai contesti socio economici di riferimento, nel pieno rispetto del quadro normativo vigente.

Una simile impostazione, inevitabilmente, conduce l’Ente nella direzione di un rapporto più sereno con il contribuente, svolgendo con ciò stesso una funzione deflattiva del contenzioso.

La riscossione in modalità “autogestita”, di fatto privilegiata dal Legislatore 2011, si giova peraltro, in fase coattiva, (molte volte il vero “tallone di Achille” di tutto il processo) dei medesimi strumenti che il sistema pone a disposizione del Concessionario Nazionale della Riscossione (Equitalia e le sue partecipate): ingiunzione fiscale ex RD 639/1910 per la formazione del titolo esecutivo, e procedura esecutiva esattoriale ex R.D. 602/73 (fermo amm.vo di beni mobili, pignoramento diretto del quinto stipendiale, pignoramento diretto di crediti , compresi depositi bancari ecc.) per l’espropriazione forzata.